Articoli

L’elaborato tecnico della copertura costituisce un documento importante per includere tutte quelle informazioni (indicazioni progettuali, prescrizioni tecniche, verifiche di sicurezza, certificazioni di conformità, ecc.) utili per proteggere i lavoratori dal rischio di caduta dall’alto durante i lavori su coperture.

Per procedere con l’installazione della linea vita, è fondamentale sviluppare un progetto dettagliato. Questo progetto è composto da una serie di documenti tecnici che costituiscono l’elaborato tecnico della copertura. Tale elaborato può essere creato utilizzando software specifici per il calcolo della linea vita, a partire dalla planimetria della copertura.

Ambiti di Applicazione

L’elaborato tecnico della copertura è richiesto sia per edifici pubblici che privati, ed è necessario per ogni intervento edilizio o impiantistico riguardante le coperture di nuove costruzioni o edifici esistenti. Questo include:

  • Restauro
  • Risanamento conservativo
  • Ristrutturazione
  • Installazione di impianti tecnici, telematici e fotovoltaici in copertura
  • Varianti in corso d’opera
  • Interventi edilizi in sanatoria
  • Componenti dell’Elaborato

L’elaborato tecnico deve contenere i seguenti documenti:

  • Relazione Tecnica Illustrativa: Descrive dettagliatamente il progetto e include le verifiche dei sistemi anticaduta.
  • Relazione Tecnica di Calcolo degli Ancoraggi: Fornisce i calcoli e i dettagli tecnici relativi agli ancoraggi della linea vita.
  • Planimetria della Copertura: Presenta il disegno dettagliato della copertura, essenziale per il calcolo e la disposizione della linea vita.

Redigere con cura l’elaborato tecnico della copertura è cruciale per garantire sicurezza e conformità normativa nell’installazione della linea vita. Utilizzando un software di calcolo specifico e includendo tutte le informazioni richieste, si assicura una progettazione precisa e un’esecuzione sicura degli interventi.

Preservare la vita dei tuoi operatori e ottimizza il tuo lavoro con le soluzioni di Linea Vita Marche!

Il lavoro sulle coperture rappresenta un’attività a rischio elevato, in particolare per quanto riguarda la caduta dall’alto: l’elaborato tecnico della copertura è dunque essenziale.

L’elaborato tecnico della copertura costituisce un documento importante per includere tutte quelle informazioni (indicazioni progettuali, prescrizioni tecniche, verifiche di sicurezza, certificazioni di conformità, ecc.) utili per proteggere i lavoratori dal rischio di caduta dall’alto durante i lavori su coperture.

L’elaborato tecnico della copertura è obbligatorio per interventi su edifici pubblici/privati quali, ad esempio:

riparazioni;

impermeabilizzazioni;

interventi di efficientamento energetico;

installazione di sistemi di protezione;

installazione di impianti solari termici o di antenne;

manutenzione di canne fumarie;

smaltimento o trattamento amianto;

ecc.

Chiaramente, si fa sempre riferimento a interventi su coperture che espongono al rischio di caduta da un’altezza superiore a 2 metri.

Dunque, questo elaborato che dovrà essere predisposto dal progettista o dal coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione, si rende necessario ogni qualvolta si prevede un intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria che interessi almeno 100 mq della copertura d’intervento pari al 50% della superficie complessiva di almeno 200 mq, l’installazione di impianti tecnici, telematici e fotovoltaici in copertura oltre ad interventi di ristrutturazione e ricostruzione edilizia che riguardano modifiche alle strutture portanti di tetti e lastrici solari.

I contenuti dell’elaborato tecnico della copertura

Per quanto riguarda i contenuti dell’ETC, innanzitutto vanno inclusi gli elaborati grafici in scala adeguata, ove indicare:

  • area di intervento;
  • ubicazione e caratteristiche dimensionali dei percorsi e degli accessi;
  • posizionamento degli elementi protettivi e dei dispositivi anticaduta per il transito e l’esecuzione dei lavori;
  • dispositivi di protezione collettiva e/o individuali;
  • altezza libera di caduta su tutti i lati esposti ad arresto caduta;
  • bordi e aree di lavoro soggetti a trattenuta, ad arresto caduta, a manutenzione operata dal basso;
  • aree della copertura non calpestabili;
  • aree libere in grado di ospitare le soluzioni provvisorie prescelte;
  • misure relative al recupero in caso di caduta.

Oltre agli elaborati grafici, l’elaborato tecnico della copertura deve prevedere anche i seguenti contenuti minimi:

  • relazione tecnica illustrativa delle soluzioni progettuali;
  • relazione di calcolo, ad opera di un professionista abilitato;
  • certificazione del fabbricante dei dispositivi di ancoraggio;
  • dichiarazione di conformità dell’installatore sui dispositivi di ancoraggio;
  • manuale d’uso e programma di manutenzione dei dispositivi di ancoraggio.

LAVORA IN SICUREZZA CON I NOSTRI SISTEMI ANTICADUTA!

Contattaci per maggiori informazioni
Tel: 071.7108525
info@lineavita-marche.it