Un sistema linea vita ha lo scopo di proteggere in modo adeguato chi lavora sui tetti, permettendogli di fare il suo lavoro in totale tranquillità e sicurezza sulla superficie di un tetto.

Un lavoro viene considerato in quota quando si svolge a due o più metri di altezza da un piano stabile. Per tutte le figure che operano in quota è indispensabile lavorare in sicurezza e questo è possibile solo mediante l’installazione di sistemi anticaduta e linee vita a norma di legge, oltre che l’utilizzo di DPI certificati.

Come installare una linea vita?

Una linea vita è formata da un cavo o un binario rigido, orizzontale, inclinato o verticale, su cui scorre un elemento di connessione, come un moschettone, una navetta ecc., collegato all’imbracatura dell’operatore.

L’installazione di una linea vita deve sottostare a precise norme e rispettare rigidi standard di sicurezza. Per questo, nell’installare una linea vita, è fondamentale rivolgersi ad aziende certificate con una solida esperienza nel settore.

L’installazione, infatti, deve sempre seguire un progetto e rispettare le normative europee in merito alla sicurezza.

Per installare una linea vita occorre un operatore esperto e certificato, un cavo in acciaio inox o zincato per le linee vita flessibili, un profilato in alluminio o in acciaio per quelle rigide. L’installatore, munito di tutti i DPI, applica i ganci alla sezione dove è necessario installare la linea e fa passare il cavo negli appositi fermi fissati in precedenza.

Le linee vita possono essere installate laddove è necessario garantire la sicurezza nel lavoro, quindi su tetti, controsoffitti, coperture ecc.

Chi può installare linee vita?

Solo le aziende che riescono a garantire il rispetto degli standard e delle norme dedicati alle linee vita possono installarle.

Linea Vita Marche è specializzata nella vendita dei dispositivi di ancoraggio strutturale o Linea Vita e dei sistemi di anticaduta dall’alto. La nostra struttura è in grado di soddisfare le esigenze del cliente, dalla ricerca e sviluppo alla posa in opera, all’addestramento pratico ed al loro corretto utilizzo.

Affidati ad un’azienda specializzata per un sistema anti-caduta sicuro.

www.lineavita-marche.it

Prevenire le cadute dall’alto si può

Grazie al Superbonus 110% le imprese hanno ricevuto molte richieste e il settore edile si è ripreso, nonostante le criticità dovute al Covid.

Questo, però, ha comportato anche il ritorno di infortuni sul lavoro. Sono stati numerosi gli incidenti di cadute dall’alto, riportati spesso dalla cronaca, che hanno coinvolto i lavoratori del nostro Paese. Purtroppo abbiamo imparato ad utilizzare la mascherina ma non ancora l’imbracatura per la sicurezza in quota.

Si possono prevenire le cadute dall’alto?

Sì, le cadute si possono prevenire: svolgendo le attività in un luogo di lavoro sicuro.

Corretta progettazione dei sistemi anticaduta: Ogni sistema anticaduta deve essere funzionale al suo scopo, per cui a garanzia della conformità e della sicurezza del progetto questo deve essere redatto e firmato esclusivamente da un tecnico abilitato.

Corretta installazione dei sistemi anticaduta: l’installazione dovrà essere svolta da personale competente e formato. Al termine dell’installazione l’installatore dovrà rilasciare al committente la Dichiarazione di corretto montaggio, un documento che attesta il montaggio a regola d’arte. Dopo l’installazione il sistema potrà inoltre essere collaudato, per testarne la tenuta alla struttura di supporto.

Corretta formazione e informazione sui DPI di III categoria: il D.Lgs 81/2008 impone l’obbligo di svolgere un corso di formazione e addestramento per lavori in quota, in modo tale da acquisire le conoscenze necessarie per l’utilizzo dei Dispostivi di Protezione Individuale di III categoria anticaduta e per svolgere le attività in totale sicurezza. Oltre alla formazione, il datore di lavoro è responsabile di informare correttamente i lavoratori riguardo i rischi che presentano le varie attività, dando priorità alle misure di protezione collettiva rispetto a quelle individuali e fornendo tutti gli strumenti per proteggere gli operatori da danni e infortuni.

Corretto utilizzo dei sistemi anticaduta: L’utilizzatore del sistema di ancoraggio, prima di utilizzare il sistema anticaduta dovrà prendere visione della documentazione di progetto, per individuare in quali punti sono installati i sistemi di ancoraggio e conoscere la via di accesso alla copertura, per individuare le zone di pericolo e la tipologia di DPI da utilizzare, nel contempo dovrà consultare il manuale d’uso per il corretto utilizzo dei prodotti installati.

Corretta manutenzione dei sistemi anticaduta: la norma UNI 11560:2014 prevede la revisione periodica della linea vita:

almeno ogni 2 anni con ispezione visiva, per verificare l’eventuale presenza di ruggine, di corrosione, l’integrità dell’assorbitore e del cavo, ecc.;

almeno ogni 4 anni con ispezione strumentale degli ancoranti alla struttura di supporto, per testare la tenuta dell’ancoraggio al carico di progetto.

Linea Vita Marche Srl è specializzata nella vendita dei dispositivi di ancoraggio strutturale o Linea Vita e dei sistemi di anticaduta dall’alto. La nostra struttura è in grado di soddisfare le esigenze del cliente, dalla ricerca e sviluppo alla posa in opera, all’addestramento pratico ed al loro corretto utilizzo.

www.lineavita-marche.it

La manutenzione dei sistemi anticaduta, fondamentale per tutelare committenti e operatori

La manutenzione delle linee vita è fondamentale per garantire la sicurezza dei lavoratori ed evitare spiacevoli penali al soggetto responsabile.

Ma perché è necessario eseguire l’ispezione periodica?

In particolare, l’ispezione periodica è fondamentale per:

-Per verificare la corretta funzionalità dell’impianto: tale controllo è volto a controllare che la struttura non abbia subito danni, manomissioni o cadute occultate.

-le responsabilità civili e penali non sono da sottovalutare quando si parla di sicurezza. Per questo motivo una corretta manutenzione solleva il proprietario o il responsabile di sicurezza da ogni responsabilità.

Da chi vengono eseguite le manutenzioni delle linee vita?

Le linee vita vengono sottoposte a manutenzione da personale qualificato, come gli installatori e/o ispettori di riferimento. Secondo la normativa UNI 11560:2014 che regolamenta questa pratica, il personale destinato alla revisione deve essere costituito da tecnici esperti ai quali è stato rilasciato un certificato di idoneità alla manutenzione.

Cosa comprendono le manutenzioni?

Le manutenzioni comprendono tutti i controlli necessari per fare sì che i dispositivi si possano continuare a utilizzare e che possano perdurare negli anni.

Le ispezioni si suddividono in tre categorie principali:

-Ispezioni che precedono il montaggio: cioè tutti i controlli necessari per la verifica e il controllo per assicurarsi che la superficie di ancoraggio sia adatta alla linea vita.

-Ispezioni che precedono l’utilizzo del dispositivo: a seguito del montaggio è necessario ispezionare il dispositivo per verificare che sia in sicurezza.

-Ispezioni periodiche: controlli periodici per permettere il continuo utilizzo del dispositivo anticaduta in totale sicurezza negli anni.

I controlli effettuati comprendono verifiche a tutte le componenti della linea vita:

-Verifica usura, ossidazione e corrosione

-Verifica deformazione anomala della fune

-Verifica deformazione componenti

-Serraggio morsetti

-Serraggio dadi e bulloni: verifica con chiave dinamometrica della coppia di serraggio delle bullonerie (come da prescrizione metrica dei vari filetti/bulloni)

-Verifica della tensione del cavo

-Stato delle eventuali parti mobili

Ogni quanto svolgere le revisioni?

Ogni linea vita o sistema di ancoraggio, deve essere ispezionato ad intervalli regolari, raccomandati dal fabbricante dei dispositivi stessi. Le norme tecniche prescrivono che l’intervallo tra due ispezioni non superi i 2 anni per i controlli al sistema di ancoraggio e i 4 anni per i controlli relativi alla struttura di supporto e agli ancoranti.

La manutenzione delle linee vita è una procedura fondamentale per garantire nel tempo l’efficienza dei sistemi di ancoraggio e la sicurezza dei lavoratori in quota.

Contattaci subito per avere maggiori informazioni:

https://www.lineavita-marche.it/

Il proprietario o l’amministratore di un immobile deve garantire la presenza di idonee misure di protezione per chi lavora sul tetto della propria abitazione o su un’altra area di lavoro in quota, ad esempio una terrazza.

Quando un proprietario di una villetta o un amministratore di condominio commissionano un lavoro di ordinaria manutenzione sul tetto ad un antennista, ad un muratore o ad uno spazzacamino, i primi hanno la responsabilità di assicurarsi della presenza o della predisposizione di idonee misure di protezione e del loro corretto utilizzo.

Le misure di protezione possono essere parapetti, reti anticaduta o in alternativa ancoraggi o linee vita fisse o provvisorie a cui chi lavora possa assicurarsi mediante un’imbracatura ed un sistema di collegamento.

Le linee vita rappresentano quasi sempre, per lavori di piccola entità, il sistema con il miglior rapporto tra efficacia e costi.

La sicurezza nei cantieri temporanei viene invece sempre garantita da sistemi di protezione di tipo collettivo come parapetti e ponteggi.

Dunque, se non si ha l’esigenza di commissionare un lavoro sul tetto e se sullo stesso tetto non sono previsti accessi, di norma NON è obbligatorio installare una linea vita o un altro sistema di protezione dalle cadute.

Quando invece si devono obbligatoriamente installare le linee vita?

Le varie regioni e province autonome italiane hanno emesso delle leggi che definiscono l’obbligo di installare sistemi di protezione permanenti da lasciare in dotazione agli edifici, in alcune precise occasioni; ovvero:

-Costruzione di un nuovo edificio

-Manutenzione straordinaria (ma anche ordinaria in alcune regioni) del tetto.

In queste circostanze, in molte regioni è specificato l’obbligo di installare dispositivi permanenti che possano garantire la sicurezza per accessi successivi al tetto.

L’obbligo di installazione di linee vita – sistemi anticaduta nella regione Marche è sancito nella:

L.R. n. 7 del 22/04/2014 “Norme sulle misure di prevenzione e protezione dai rischi di caduta dall’alto da predisporre negli edifici per l’esecuzione dei lavori di manutenzione sulle coperture in condizioni di sicurezza”.

Hai bisogno di installare o revisionare una linea vita nelle Marche?

Contattaci senza impegno: www.lineavita-marche.it

Nei lavori in quota i lavoratori sono esposti a rischi particolarmente elevati per la loro salute e sicurezza, in particolare a rischi di caduta dall’alto

Il settore dei lavori in quota è uno tra i più rischiosi e spesso può essere anche luogo di incidenti mortali.

In assenza di misure di prevenzione e protezione è sufficiente un attimo di distrazione, una perdita di equilibrio, un malessere o un piede che scivola per provocare una caduta che può avere conseguenze gravissime: le cadute dall’alto sono infatti una delle principali fonti di infortuni mortali o con gravi postumi permanenti e invalidanti.

Tipologie di rischi

La Caduta dall’alto

La caduta dall’alto è chiaramente il rischio più frequente per chi lavora in quota. Eventi accidentali, come la perdita di equilibrio, possono portare a conseguenze davvero gravi se non sono state messe in atto le necessarie misure di sicurezza. Questi rischi possono essere ridotti notevolmente svolgendo lavori in quota con la presenza e il supporto di altri colleghi.

Le casistiche più comuni di cadute dall’alto sono:

– caduta per sfondamento della copertura (23%)

– caduta da scala portatile (17%)

– caduta da parte fissa di edificio (12%)

– caduta da ponteggi, impalcature fisse (10%)

– caduta all’interno di varco (10%)

– caduta da mezzi di sollevamento (9%)

Effetto pendolo

Tra le altre situazioni in quota potenzialmente rischiose, può accadere che il lavoratore possa essere sottoposto al cosiddetto effetto pendolo e urtare, di conseguenza, contro il suolo, una parete o un ostacolo.

La condizione peggiore in cui si sviluppano gli effetti di un effetto pendolo si ottiene in prossimità degli angoli della copertura.

Sindrome da imbraco

Altra circostanza da non sottovalutare riguarda la sospensione inerte del corpo (o sindrome da imbraco). Si tratta di una casistica che può capitare quando un lavoratore, in seguito a una caduta, rimane appeso e senza la possibilità di muoversi. Questa è una situazione che, a causa dell’imbracatura, può portare presto alla perdita di coscienza e, in mancanza di intervento in tempi brevi, anche alla morte.

Per ridurre il rischio da sospensione inerte è fondamentale che il lavoratore sia staccato dalla posizione sospesa al più presto.

La sicurezza sul luogo di lavoro è un diritto del lavoratore ed un interesse per l’impresa, che garantisce così un ambiente confortevole, sicuro e quindi più produttivo.

Nelle Marche vige l’obbligo di installazione di Linee Vita dal 2014 quando viene emanata la prima legge regionale relativa alle misure di sicurezza in quota.

Scopri di più:

www.lineavita-marche.it

Il RSPP – Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione sul luogo di lavoro gioca un ruolo fondamentale in azienda.

Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP – definito dall’ art. 32 del D.Lgs. 81/2008) è la persona, in possesso delle capacità e dei requisiti professionali, designata dal datore di lavoro, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi, e cioè l’insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati a prevenire e proteggere i lavoratori dai rischi professionali.

Nello specifico l’RSPP deve provvedere a:

-individuare i fattori di rischio aziendali;

-effettuare una valutazione dei rischi;

-individuare le misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro;

-elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;

-proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;

-partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica;

-fornire ai lavoratori le informazioni necessarie.

Quali sono le responsabilità dell’RSPP?

La legge non prevede sanzioni contravvenzionali per il responsabile del servizio di prevenzione e protezione; tuttavia l’RSPP risponde insieme al datore di lavoro ogni qual volta il verificarsi di un infortunio sia oggettivamente riconducibile ad una situazione pericolosa che egli avrebbe avuto l’obbligo di conoscere e segnalare.

Quali requisiti deve avere un RSPP?

Per poter ricoprire le funzioni del responsabile del servizio di prevenzione e protezione è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore ed avere conseguito gli attestati relativi a specifici corsi di formazione abilitanti in relazione alla classe di rischio dell’attività (definita dai settori ATECO).

Chi nomina il RSPP?

A nominare il RSPP è il datore di lavoro. per mezzo di un modulo datato e firmato da entrambe le parti che assegna l’incarico al soggetto e va poi conservato insieme al DVR. A seconda dei casi abbiamo e delle caratteristiche dell’azienda, il ruolo di RSPP può essere ricoperto da:

-Lavoratore interno all’azienda in possesso di determinati requisiti;

-Professionista esterno all’azienda;

-Datore di lavoro, ma solo in certe tipologie di aziende.

Dalla valutazione del rischio all’installazione, fino alla formazione degli addetti e alla manutenzione dei sistemi, il nostro personale altamente qualificato è pronto a guidarvi in ogni fase della messa in sicurezza.

Contattaci ora:

https://www.lineavita-marche.it/

Lavorare in Sicurezza non è soltanto un Diritto ma un Dovere che spetta al datore di lavoro.

Il datore di lavoro ha il dovere di garantire la salute e sicurezza dei lavoratori: è lui il responsabile della gestione, dell’organizzazione, del controllo, della vigilanza e dell’attuazione delle misure di tutela della salute e sicurezza dei lavoratori.

Gli adempimenti obbligatori assegnati dal D.Lgs 81 al datore di lavoro sono molteplici e riguardano ogni aspetto della sicurezza aziendale, ovvero:

-la valutazione di tutti i rischi presenti sul luogo di lavoro;

-la messa a norma di locali, impianti, macchinari ed attrezzature;

-l’organizzazione del servizio di prevenzione e protezione;

-la nomina delle figure indispensabili per la sicurezza sul lavoro;

-l’informazione, la formazione e l’addestramento dei lavoratori.

  1. Se il datore e chi collabora con lui nella predisposizione delle misure di tutela, non ottempera a quanto previsto dalla normativa, ad esempio non fornendo ai lavoratori i dispositivi di protezione individuale, non predisponendo adeguati sistemi di illuminazione dei sotterranei, etc. viene assoggettato a specifiche sanzioni.

Esempio: datore di lavoro non ha valutato i rischi specifici derivanti da atmosfere esplosive, viene punito con l’arresto da tre a sei mesi o l’ammenda da 2.500 a 6.400 euro [6].

  1. Qualora il lavoratore si renda conto che il datore di lavoro non abbia ottemperato le dovute misure di sicurezza, può richiedere al responsabile del servizio di prevenzione e protezione, al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o al datore stesso di intervenire per porre rimedio.

Esempio: nei lavori in sotterraneo, se il lavoratore nota un cattivo funzionamento dell’impianto di ventilazione o se non è stato installato a norma, può segnalare tale situazione di pericolo al datore di lavoro.

  1. Se il datore non adotta tutte le misure atte a garantire la sicurezza dei lavoratori, il lavoratore può chiedere l’intervento dell’Ispettorato del lavoro; questi è competente a verificare, a livello provinciale, regionale, interregionale e nazionale, l’efficace ed efficiente tutela della salute e della sicurezza nelle varie situazioni lavorative.

Esempio: il lavoratore si presenta all’ufficio dell’Ispettorato del lavoro territorialmente competente (indicato come Direzione Territoriale del Lavoro), rilasciando le proprie generalità, quelle del proprio datore e ogni altra informazione concernente il rapporto di lavoro, specificando le ragioni per cui chiede l’intervento.

  1. In caso di mancato rispetto, da parte del datore, delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nell’ambiente di lavoro tale da compromettere lo stato di salute del lavoratore, questi può anche presentare le proprie dimissioni per giusta causa.

Esempio: il lavoratore compila l’apposito modello disponibile in via telematica, personalmente o con l’aiuto di un intermediario abilitato (ad esempio, un patronato). In seguito alla presentazione delle dimissioni per giusta causa del dipendente, il datore di lavoro, sarà tenuto a corrispondergli l’indennità sostitutiva di preavviso, cioè una somma di denaro pari alla retribuzione che sarebbe spettata al lavoratore, in caso di dimissioni ordinarie.

La sicurezza sul luogo di lavoro è un diritto del lavoratore ed un interesse per l’impresa, che garantisce così un ambiente confortevole, sicuro e quindi più produttivo.

Richiedici una consulenza ora:

https://www.lineavita-marche.it/

Il peso corporeo nei lavori in quota.

I lavori in quota sono quelle attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di caduta da una altezza superiore a due metri rispetto ad un piano stabile.

Le cadute dall’alto continuano a rappresentare la maggiore causa di infortuni in edilizia, spesso molto gravi e con esiti mortali, nonostante il capo secondo del D.Lgs. n. 81/2008 disciplini chiaramente la valutazione dei rischi e le misure di prevenzione e protezione per tali lavori in quota.

Un fattore importante, troppo spesso sottovalutato, è il peso corporeo del lavoratore che svolge l’attività in quota.

Il Regolamento (UE) 2016/425 sui dispositivi di protezione individuale certifica i dispositivi anticaduta con un peso corporeo massimo pari a 100 kg.

Cosa succede se il lavoratore che indossa l’imbracatura supera i 100kg di peso?

È una situazione molto diffusa, soprattutto tra gli uomini è facile raggiungere o superare tale peso considerando che l’altezza media delle persone è aumentata notevolmente negli ultimi anni.

Tale fattore incide sensibilmente sulla sicurezza nelle attività svolte.

In caso di caduta il lavoratore potrebbe rischiare la vita a causa della rottura del DPI dovuta allo sprigionarsi di una forza maggiore rispetto a quella testata per la certificazione, provocando la caduta nel vuoto della persona nonostante l’apparente rispetto delle normative vigenti.

Cosa fare in questi casi?

Per lavori in quota con personale di peso eccedente al carico massimo consentito per la progettazione dei dispositivi anticaduta è necessario svolgere idonei controlli che comprendono l’individuazione delle caratteristiche fisiche della persona in relazione ai dispositivi utilizzati come: peso, circolazione sanguigna, muscolatura/corporatura, resistenza fisica, ecc.

È possibile reperire DPI certificati con peso corporeo fino a 120-140 kg, ma si dovranno comunque valutare attentamente i rischi che il lavoratore affronta nelle specifiche attività con dovute prescrizioni:

-divieto di spostamento con materiali in quota (aumenterebbero il peso complessivo);

-evitare aree con rischio caduta (es. per sfondamento);

-lavorare esclusivamente in situazioni con fattore di caduta di tipo 1 o 0 (preferibilmente in trattenuta).

Linea Vita Marche: la tua sicurezza sul lavoro. Scegli la sicurezza al 100%.

https://www.lineavita-marche.it/

Quando bisogna installare una Linea Vita

La linea vita è un sistema di sicurezza anticaduta per proteggere i lavoratori che effettuano riparazione sui tetti o comunque lavori in quota nei quali il rischio di caduta è elevato.

Perché installare una linea vita?

Ci sono molti motivi per installare una linea vita, il principale è sicuramente la sicurezza degli operatori che eseguono lavorazioni in quota.

Qualsiasi operatore che ad esempio esegue lavorazioni sul tetto della nostra casa, deve lavorare in sicurezza come da normative contenute nel D. Lgs. 81/2008. L’installazione di una linea vita è, dunque, necessaria per tutelare chi commissiona i lavori sul tetto di un edificio, e per la maggior sicurezza del cantiere e dei suoi lavoratori.

L’installazione della linea vita è obbligatoria in diverse regioni italiane. Il sistema anticaduta dovrà essere parte integrante del documento di valutazione dei rischi che sarà messo a disposizione dall’amministratore alle aziende che eseguiranno i lavori.

Cos’è la linea vita e quali DPI sono necessari?

La linea vita è un sistema anticaduta composto da una fune di acciaio inox tesa da staffe sempre in acciaio inox che vengono saldamente ancorate sul tetto dell’edificio. Gli operatori, agganciandosi ad essa con i propri dispositivi di protezione individuali, potranno così eseguire i lavori in totale sicurezza.

Esistono cinque tipi di linee vita, differenti per caratteristiche; linee vita di tipo:

A: linea permanente ad ancoraggio singolo;

B: linea temporanea rimovibile dopo l’esecuzione di lavori;

C: linea permanente con ancoraggio flessibile;

D: linea permanente con ancoraggio rigido;

E: linea temporanea con ancoraggio zavorrato.

Come detto a queste linee di sicurezza vengono agganciati i DPI che ogni lavoratore deve avere per poter lavorare in sicurezza quando lavorano ad altezze superiori ai due metri.

Ogni categoria di lavoratori ha dei DPI disposti dalla legge sulla sicurezza del lavoro per tutelare la salute del lavoratore stesso e questi cambiano in base al rischio che il lavoratore corre nello svolgimento della sua attività.

 

Sebbene tutti questi operatori siano in possesso dei dispositivi di protezione individuale e abbiano una loro procedura contro il rischio di caduta, disporre di una linea vita come elemento anticaduta sul tetto solleva i condomini da eventuali corresponsabilità in caso di incidenti.

Chi può installare una linea vita?

L’installazione della linea vita deve essere eseguita da una impresa specializzata, sulla base della progettazione dello stesso da parte di un tecnico abilitato che indicherà i punti ove collocarla, e il sistema di fissaggio da adottare. Al termine dei lavori l’impresa produrrà un certificato di corretta installazione da rilasciare al condominio.

Qualsiasi siano le esigenze della copertura, i sistemi linee vita Marche si adattano perfettamente ai materiali ad alla forma della struttura, garantendo la massima sicurezza e il minimo impatto estetico.

Contattaci: https://www.lineavita-marche.it/

Come mettere in sicurezza il tetto.

Il tetto può diventare in qualsiasi momento un luogo di lavoro: la sostituzione di alcune tegole dal tetto, la pulizia delle grondaie, l’installazione o la manutenzione di impianti fotovoltaici e di antenne o di un’unità esterna di un condizionatore, la pulizia di un camino.

Lavori di piccola entità e di breve durata, ma che non escludono il rischio di caduta dall’alto e di infortuni: un attimo di distrazione, un piede che scivola, una perdita di equilibrio, un capogiro, un cedimento strutturale o l’utilizzo di attrezzature non idonee e altre simili situazioni possono avere conseguenze serie anche da altezze modeste.

A chi rivolgersi per progettare la messa in sicurezza del tetto?

Quali sono gli step da seguire per garantire una totale sicurezza dei lavoratori e una maggiore protezione della copertura.

1.Il committente che volesse mettere in sicurezza la propria copertura dovrebbe innanzitutto rivolgersi ad un tecnico specializzato in possesso delle giuste referenze al quale demandare la propria fiducia per progettare il sistema anticaduta idoneo.

Per una corretta progettazione del sistema anticaduta e per la messa in sicurezza del tetto è fondamentale effettuare un controllo dell’area di lavoro; in questo modo vengono valutate attentamente tutte le zone esposte a rischio di caduta dall’alto o che presentano criticità per i lavoratori.

2.Successivamente è fondamentale rivolgersi ad una seria ditta specializzata nella produzione e commercializzazione di dispositivi di ancoraggio. Non tutte sono uguali; la differenza oltre alla gamma dei prodotti a disposizione è fatta sicuramente dalla disponibilità a trovare soluzioni personalizzate.

Inoltre, un’ulteriore differenza è data dai dati che la stessa mette a disposizione per l’utente progettista al fine di aiutarlo nella progettazione. Molte aziende non mettono a disposizione i dati necessari nascondendosi dietro la scusa della riservatezza dei risultati ottenuti.

Ancor più affidabili sono tutte quelle aziende che hanno affidato la certificazione di rispondenza dei propri prodotti alle norme di settore ( UNI EN 795, UNI 11578) a ditte terze specializzare nell’esecuzione di prove sui materiali ed hanno implementato un controllo di qualità sul proprio processo di fabbrica.

3.Lo step conclusivo è quello dell’installazione dei sistemi anticaduta. Questa delicata fase viene svolta da un personale altamente qualificato e addestrato, in possesso di un’abilitazione eseguita tramite la frequenza di corsi specifici.

  1. Altro step fondamentale, è la verifica dei propri sistemi anticaduta per garantire tutta la sicurezza necessaria ai lavoratori. Su richiesta del cliente, dunque, procedere con la manutenzione e verifica per mantenere sempre monitorato e inalterato il livello di sicurezza dei sistemi anticaduta.

Con la messa in sicurezza del tetto e l’installazione di una linea vita, i piccoli e grandi interventi sul tetto potranno essere svolti senza rischi, risparmiando nella fase di manutenzione e sollevando il proprietario dell’abitazione, l’amministratore o i condomini dalla responsabilità.

Linea vita Marche è un’azienda specializzata nel settore dei sistemi anticaduta. Per un progetto sicuro ed efficace, contattaci:

https://www.lineavita-marche.it/